Integrazioni Regolamento Osservatorio

Il Comitato Rubbiano Per La Vita intende proporre importanti modifiche al Regolamento dell’Osservatorio Ambientale, nel pieno rispetto e con il preciso intento di “condividere l’obiettivo, nel breve-medio periodo, di salvaguardare la qualità della vita, il territorio e lo sviluppo delle attività economiche, industriali, estrattive e produttive, applicando i principistabiliti dalla direttiva 96/61 CE e richiamati nella legge regionale 21/04, le quali, attraverso un processo di Prevenzione e Controllo Integrato dell’inquinamento (IPPC), consentono un percorso di sviluppo sostenibile, attraverso il risparmio di materia, di energia e l’applicazione delle Migliori Tecnologie Disponibili e favoriscono la trasparenza e l’informazione al pubblico sulle attività in essere e sulle ricadute sull’ambiente e sulla salute pubblica”

Comunichiamo le integrazioni al regolamento che abbiamo brevemente anticipato nella riunione del 5 luglio a Medesano e riconfermato via mail l’8 luglio alle 18,23:

1. Autorizzare riprese video durante le sedute dell’Osservatorio, da pubblicare in internet.
Diamo la nostra disponibilita’ a mettere a disposizione durante le sedute dell’osservatorio la videocamera con cavalletto, la regista, che si occuperà di scaricare il video integrale e di rimandarlo in formato pubblicabile al Comune si Solignano.

2. Autorizzare il Comitato a partecipare alle sedute dell’Osservatorio con 2 Rappresentati (Gianluca Ori e Susanna Bassi)

3. Modificare la composizione dell’Osservatorio Ambientale, prevedendo la presenza di n. 1 Rappresentente per ogni Comune

4. Per rispondere a quanto previsto al punto 1 del Regolamento: “favoriscano la trasparenza e l’informazione al pubblico sulle attività in essere e sulle ricadute sull’ambiente e sulla salute pubblica”, il Comitato richiede che si preveda, sul sito del Comune di Solignano nella sezione dedicata all’Osservatorio (dove peraltro e’ gia presente la documentazione relativa all’AIA), una sezione dove far confluire tutta la documentazione relativa alla questione Laterlite, (Bilanci Aziendali, controlli Arpa, MUD, pubblicazione mensile delle emulsioni bruciate, verifica controlli che gli oli che verranno bruciati non siano riutilizzabili, verifica quantità argilla che entra in Laterlite per rispetto AIA, ecc), o tramite documentazione o tramite link che rimandano a dove sono pubblicati i documenti (con le moderne tecnologie si tratta di una operazione molto semplice e immediata. Anche in questo caso ci mettiamo a disposizione per alimentare, se occorre, il sito del Comune con la documentazione che verrà inviata dagli organi ufficiali)

5. Prevedere che i temi trattati durante l’Osservatorio e le conclusioni che ne emergono, vengano recepiti dalla Conferenza dei Servizi a cui si chiede che venga prevista sia la partecipazione del Tecnico Ganapini che quella di un componente del comitato.

6. Si richiede inoltre che l’Osservatorio recepisca i verbali delle riunioni della Conferenza dei Servizi

7. Si indica quale sede per le riunioni dell’osservatorio, uno spazio pubblico a Fornovo, il paese più grande coinvolto nella vicenda Laterlite.

A queste integrazioni si aggiungono anche:

8. Tutti i costi generati dall’Osservatorio Ambientale siano sostenuti da Laterlite spa

9. Sia autorizzato l’accesso presso la Ditta da parte del Comitato Rubbiano per la Vita

10. Nella composizione dei membri dell’osservatorio venga inserito il nominativo dell’Associazione Ambientalista “Rete Ambiente Parma”

11. Nella composizione dei membri dell’Osservatorio venga inserito quello del Dr Bianchi Fabrizio dell’Istituto di Fisiologia Clinica (IFC) del CNR di Pisa, per la specifica competenza posseduta

12. Inserire all’interno del Regolamento specifica menzione che l’Osservatorio ambientale è stato istituito per informare in modo chiaro e trasparente la popolazione sui dati di funzionamento dell’impianto, i test di controllo e sul monitoraggio delle emissioni.

13. Inserire l’opzione che, quando vengono discusse tematiche specifiche, l’Osservatorio può invitare altri enti o amministrazioni e chiedere la collaborazione di ulteriori tecnici ed esperti.

14. Inserire un capitolo specifico relativo alle attivita’ operative specificando che nell’ambito delle competenze l’Osservatorio svolge specificatamente le seguenti attivita’:

  • Analisi dei dati di funzionamento dell’impianto e dei test di controllo effettuati
  • Esame dei dati delle emissioni dell’impianto forniti dagli enti preposti ai controlli
  • Promozione delle attivita’ di ricerca per la valutazione epidemiologica degli effetti delle emissioni inquinanti sulla salute della popolazione attuale

Comitato Rubbiano per la Vita
Il Presidente
Gianluca Ori

SCARICA IL PDF DELL’ARTICOLO

Scritto da