Monthly Archives: luglio 2012

  • Integrazioni Regolamento Osservatorio

    Il Comitato Rubbiano Per La Vita intende proporre importanti modifiche al Regolamento dell’Osservatorio Ambientale, nel pieno rispetto e con il preciso intento di “condividere l’obiettivo, nel breve-medio periodo, di salvaguardare la qualità della vita, il territorio e lo sviluppo delle attività economiche, industriali, estrattive e produttive, applicando i principistabiliti dalla direttiva 96/61 CE e richiamati Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • Obiettivo Rinnovo AIA

    Il Comitato Rubbiano Per La Vita nasce e sviluppa la propria attività dal 2005, anno in cui la cittadinanza ha appreso in modo chiaro dell’esistenza di un’attività di coincenerimento di rifiuti speciali pericolosi presso il sito industriale di Laterlite Rubbiano. Il Comitato sostiene una strategia generale che vada nella direzione della riduzione della produzione di Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • La Ue in difesa del latte materno

    La Ue in difesa del latte materno

    Leggi tutto l'articolo
  • Operazione “Mare chiaro”. “Disastro ambientale”: arresti anche in Abruzzo

    Operazione “Mare chiaro”. “Disastro ambientale”: arresti anche in Abruzzo

    Leggi tutto l'articolo
  • Gli altri stabilimenti di laterlite

    LENTELLA (CHIETI) Il 4 novembre 2010 diversi organi di stampa locale hanno riportano la seguente notizia. “L’impianto Laterlite di Lentella brucia rifiuti pericolosi utilizzandoli come combustibile.E’ quanto certifica il direttore del dipartimento sub provinciale di San Salvo dell’Arta, Vincenzo Ronzitti. Il dirigente dell’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente, in una nota di risposta all’interrogazione di Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • L’osservatorio ambientale

    Nel 2005 è stato istituito l’Osservatorio Ambientale, in attuazione del Protocollo d’intesa sottoscritto dal Comune di Solignano e da Laterlite S.p.A. il 6 ottobre 2005, in esecuzione della delibera di G.C. n° 113 del 3 settembre 2005 esecutiva ai sensi di legge. Attraverso la sottoscrizione di tale Protocollo d’Intesa, “il Comune di Solignano e Laterlite Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • L’autorizzazione integrata ambientale

    L’AIA, concessa in origine dalla Provincia di Parma con determinazione n.2330 del 26/01/2000 e rinnovata nel 2007 si basa sulle prescrizioni derivanti dalla direttiva 96/61/CE recepita dal decreto legislativo n. 59/2005. La predetta direttiva è stata abrogata dalla direttiva 2010/75/UE del 24 novembre 2010 relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento), pubblicata sulla Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • Considerazioni varie

    Nel sito internet del Comune di Solignano vi è una apposita sezione dedicata all’attività dell’Osservatorio ambientale. Nell’introduzione si leggono le seguenti parole: “Attraverso la sottoscrizione di tale Protocollo d’Intesa, il Comune di Solignano e Laterlite S.p.A. condividono l’obiettivo, nel breve-medio periodo, di salvaguardare la qualità della vita, il territorio e lo sviluppo delle attività economiche, industriali, Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • Il piano di zona dell’AUSL

    Il “Piano di zona per la salute ed il benessere sociale 2009-2011” delle Valli del Taro e del Ceno, approvato dal Comitato di Distretto in data 24/03/2010 riporta, nel programma attuativo 2010 una scheda relativa alla ditta Laterlite di Rubbiano (pag. 157) con le seguenti affermazioni: Interventi/politiche collegate: Prosecuzione riunioni dell’Osservatorio Ambientale riguardante l’azienda Laterite Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo
  • I test di mutagenesi

    - Laterlite ottenne la prima Autorizzazione all’incenerimento di rifiuti pericolosi nell’anno 2000. In conseguenza dell’allarme ambientale generato nell’opinione pubblica nel 2005 si costituì un comitato di cittadini (Rubbiano per la Vita) che aveva l’obiettivo di contrastare questa grave pratica industriale. Il Comune di Solignano nei mesi successivi costituì un Osservatorio ambientale con la partecipazione di Continue Reading

    Leggi tutto l'articolo